• Facebook - Black Circle
  • Instagram - Black Circle

Palcoscenici romagnoli

per la danza contemporanea

un progetto di ATER - Circuito Regionale Multidisciplinare 
condiviso da L'arboreto – Teatro Dimora di Mondaino, Città di Cattolica – Assessorato alla Cultura – Ufficio Cinema-Teatro, Comune di Rimini, Cronopios / Teatro Petrella di Longiano, Santarcangelo dei Teatri,  Teatro del Drago / Teatro Comunale di Gambettola, Riccione Teatro, San Marino Teatro

con il sostegno di Regione Emilia-Romagna

1 NOVEMBRE

11.30, 14.00 

15.00, 16.00

Riccione – Villa Franceschi
> riccioneteatro.it

SANPAPIÉ

A[1]Bit

regia e coreografia Lara Guidetti / Sanpapiè

con Davide Boi, Fabrizio Calanna, Sofia Casprini, Giuseppe Morello, Matteo Sacco, Lara Viscuso  

testi Marcello Gori 

assistente alla coreografia Matteo Sacco

produzione Sanpapié in collaborazione con MilanOltre, Festival Exister, DANCEHAUSpiù

spettacolo sostenuto nell’ambito di Next ed. 2019/2020, progetto di Regione Lombardia in collaborazione con Fondazione Cariplo

 

performance itinerante per gruppi di 40 spettatori

prenotazione obbligatoria; ingresso gratuito

a seguire, presentazione del volume Il pubblico in danza. Comunità, memorie, dispositivi

di Lorenzo Conti, Maddalena Giovannelli, Francesca Serrazanetti

 

Al crocevia fra danza, musica e drammaturgia, quest’opera di danza itinerante è nata dalla 1-Bit Symphony dell’artista newyorkese Tristan Perich, manifesto dell’elettronica post-moderna, contenuta in un circuito assemblato attorno a un microchip nella custodia di un CD. Un’opera potente, da ascoltare in cuffia, individualmente, su cui Lara Guidetti ha costruito una partitura drammaturgica e coreografica per Riccione. I danzatori condurranno i gruppi di spettatori muniti di cuffie lungo un percorso che toccherà i luoghi del cuore della città.

 

15 NOVEMBRE

21.00

Longiano - Teatro Petrella
> ilteatropetrella.it

NICOLA GALLI

Deserto Digitale

creazione dedicata alla ricerca musicale di Edgard Varèse

regia e coreografia Nicola Galli

danza Alessandra Fabbri, Nicola Galli, Paolo Soloperto

musica Edgard Varèse (Un grand sommeil noir, Poème électronique, Déserts, Ionisation, Density 21.5.)

testi liberamente ispirati agli scritti di Edgard Varèse, Alice Miller, Gilles Clément, Marcel Proust

scenografia Giulio Mazzacurati

video e costumi Nicola Galli

tecnica Giovanni Garbo

produzione Fondazione Musica per Roma, TIR Danza, Fondazione Teatro Grande di Brescia, stereopsis con la collaborazione di L’arboreto - Teatro Dimora di Mondaino Teatro Petrella di Longiano

con il sostegno di h(abita)t - Rete di Spazi per la Danza, Leggere Strutture Art Factory, Centro di Residenza (Armunia Castiglioncello - CapoTrave/Kilowatt Sansepolcro)

con il contributo di Regione Lombardia nell’ambito di NEXT 2018-2019 

 

progetto vincitore Premio Equilibrio 2018

 

spettacolo accolto e sostenuto in fase di ricerca e produzione da “Vorrei fare con te quello che la primavera fa con i ciliegi - Luoghi di accoglienza e residenza per creazioni coreografiche” condiviso da L’arboreto - Teatro Dimora di Mondaino e Teatro Petrella di Longiano

 

Il cuore di questa composizione coreografica è la rivoluzionaria ricerca musicale di Edgard Varèse, incentrata sulla spazializzazione e l’inclusione dei suoni, immaginata come un rituale visivo e onirico. Ispirandosi alla composizione Déserts, Nicola Galli ha realizzato un ambiente asettico e sintetico, un deserto inteso come territorio sconfinato e condizione esistenziale. In universo caleidoscopico, tre performer conducono lo spettatore in un viaggio sensoriale, in cui emerge la rivolta silenziosa delle emozioni.

 

18 GENNAIO

21.00

Longiano - Teatro Petrella
> ilteatropetrella.it

COLLETTIVO

CINETICO

10 miniballetti

in collaborazione con Santarcangelo dei Teatri

regia, coreografia, danza Francesca Pennini

drammaturgia e disegno luci di Angelo Pedroni e Francesca Pennini

tecnica Angelo Pedroni 

assistenza operativa Carmine Parise

coproduzione CollettivO CineticO, Le Vie dei Festival, Danae Festival

residenze artistiche Teatro Comunale di Ferrara, AMAT, L'Arboreto Teatro Dimora di Mondaino, TIR Danza

  

selezione Aerowaves 2016. Premio Danza & Danza 2015 come migliore coreografa e interprete emergente. Nomination UBU 2015 miglior performer Under 35. Premio Hystrio Iceberg 2016. Premio ANCT Associazione Nazionale Critici di Teatro 2016

 

Seguendo un quaderno delle scuole elementari di Francesca Pennini, con decine di coreografie inventate e mai eseguite, CollettivO CineticO porta in scena un’antologia di danze in bilico tra geometria e caos; una macchina del tempo per un’impossibile archeologia del movimento, che fa riemergere dal passato una serie di strampalate possibilità. Correnti e bufere, ventilatori e droni, uccelli e grand-jeté diventano allegorie per rappresentare il legame tra coreografia e danza, tra ripetibilità del gesto e improvvisazione, tra scrittura e interpretazione. 

 

30 GENNAIO

21.00

San Marino - Teatro Titano
> sanmarinoteatro.sm

SILVIA GRIBAUDI

Graces

drammaturgia Silvia Gribaudi e Matteo Maffesanti

coreografia Silvia Gribaudi
con Siro Guglielmi, Silvia Gribaudi, Matteo Marchesi e Andrea Rampazzo
disegno luci Antonio Rinaldi
direzione tecnica Leonardo Benetollo
collaboratori artistici Chiara Frigo, Giulia Galvan, Francesca Albanese, Matteo Maffesanti, Giovanna Garzotto.
prodotto da Zebra

coprodotto da Santarcangelo Festival
con la collaborazione di Klap – Maison Pour la danse Marsiglia, Centro per la Scena Contemporanea/Operaestate Festival del Comune di Bassano del Grappa, Orlando Bergamo.
con il sostegno di Lavanderia a Vapore Centro di Residenza per la danza regione Piemonte, L’arboreto – Teatro Dimora | La Corte Ospitale Centro di Residenza Emilia-Romagna, ARTEFICI –  Artisti Associati di Gorizia, Dansstationen, Danscentrum Syd, Skånesdansteater Malmö Svezia, Centro di Residenza Armunia/CapoTrave Kilowatt

 

Ispirandosi alla celebre scultura di Antonio Canova, la Gribaudi porta in scena una riflessione  intelligente ed esilarante sul concetto di bellezza e sull’idea di corpo. Qui le Tre Grazie, creature divine che diffondevano splendore, gioia e prosperità, sono incarnate da tre uomini e una donna, la Gribaudi stessa. In un luogo e un tempo sospesi tra l’umano e l’astratto, i corpi si incontrano, lontano da stereotipi e ruoli, liberi di danzare il ritmo della natura, con una comicità diretta, che sa elevare le imperfezioni a forma d’arte. 

 

11 FEBBRAIO

21.15

Cattolica - Salone Snaporaz
> teatrodellaregina.it

MARCO CHENEVIER

Quintetto

di e con Marco Chenevier 

produzione TiDa e Cie Les 3 Plumes

con il sostegno di Mibact, Regione Autonoma Valle d’Aosta

 

spettacolo vincitore del Be Festival - Birmingham 2015. Inserito nella “Top 10 Comedy 2016” del quotidiano inglese “The Guardian”. Secondo premio del pubblico al Mess Festival – Sarajevo 2015. Primo premio per la danza contemporanea al Sarajevo Winter festival – 2013. Secondo classificato al Next Generation festival - Padova 2013

 

Il 5 nell'esoterismo simboleggia la vita, l'individualità, la volontà, l'intelligenza e il genio, ma anche il movimento progressivo ascendente. È il numero dell'uomo, punto mediano tra terra e cielo, e contiene la sintesi dei sensi, il numero delle dita, la base decimale matematica. È una cifra a cui da sempre sono stati attribuiti significati trascendentali. Ma oggi c'è crisi e in scena ci si confronta con i tagli alla produzione… Caotico ed esilarante, questo spettacolo nello spettacolo chiede aiuto al pubblico, che non può restare indifferente.

 

15 FEBBRAIO

17.00

Gambettola - Teatro Comunale
> teatrocomunaledigambettola.it

SILVIA BENNETT

Libra

coreografia e danza Silvia Bennett

voce Caterina Simonelli

produzione If Prana

 

dai 3 anni

 

La storia inizia in uno stagno: tutto è scivoloso, il vento è sferzante e in un gioco di equilibrio e fantasia, Silvia Bennett conduce il pubblico in un viaggio poetico ed emozionante. Con lei si libra e danza una libellula di legno, Libra, simbolo di trasformazione, capace di attraversare le tempeste con tenacia. Vive la maggior parte della sua vita sul fondo dello stagno per poi emergere dal fango ed imparare a volare. Uno spettacolo per bambini in cui il suono si trasforma in musica e diviene poesia, trovando un armonioso equilibrio tra danza e parola.

 

22 FEBBRAIO

21.00

Riccione - Spazio Tondelli
> labellastagione.it

EUGENIO BARBA

LORENZO GLEIJESES

JULIA VARLEY

Una giornata qualunque del danzatore Gregorio Samsa

con Lorenzo Gleijeses

voci off Eugenio Barba, Geppy Gleijeses, Maria Alberta Navello, Julia Varley

suono e luci Mirto Baliani

spazio scenico Roberto Crea

consulenza drammaturgica Chiara Lagani

oggetti coreografici Michele Di Stefano

assistente alla regia Manolo Muoio

regia e drammaturgia Eugenio Barba, Lorenzo Gleijeses, Julia Varley

produzione Fondazione TPE, NordiskTeaterLaboratorium, Gitiesse Artisti Riuniti

in collaborazione con Centro Coreografico Körper

 

Lo spettacolo è frutto di quattro anni di confronto tra Lorenzo Gleijeses e un maestro dell’avanguardia teatrale, Eugenio Barba, che firma qui la sua prima regia esterna all’Odin Teatret, coinvolgendo anche un’altra leggenda del teatro, Julia Varley. In scena, la vicenda di Gregorio Samsa, omonimo del protagonista de La metamorfosi di Franz Kafka, danzatore immaginario, prigioniero della ripetizione dei suoi materiali coreografici in vista di un debutto, si interseca con il racconto e con alcuni elementi biografici dello scrittore.

 

26 FEBBRAIO - 11 MARZO

Mondaino
L’arboreto - Teatro Dimora
> arboreto.org

ALESSANDRO SCIARRONI

TURNING_Orlando’s version 

residenza creativa per la ricerca e l’adattamento

per la scena dello spettacolo di Alessandro Sciarroni

progetto di residenza condiviso da L’arboreto - Teatro Dimora | La Corte Ospitale ::: Centro di Residenza Emilia-Romagna; MARCHE TEATRO Teatro di rilevante interesse culturale, realizzato con il contributo di ResiDance XL – luoghi e progetti di residenza per creazioni coreografiche, azione della Rete Anticorpi XL - Network Giovane Danza D’autore, coordinata da L’arboreto - Teatro Dimora di Mondaino

8 MARZO

18.00

Mondaino
L’arboreto - Teatro Dimora
> arboreto.org

ALESSANDRO SCIARRONI

TURNING_Orlando’s version 

condivisone dei materiali di lavoro al termine della residenza

invenzione Alessandro Sciarroni

con Francesco Saverio Cavaliere, Lucrezia Gabrieli, Sofia Magnani, Marissa Parzei, Roberta Racis

musica Aurora Bauzà e Pere Jou (Telemann Rec.)

assistenza, training, consulenza coreografica e drammaturgica Elena Giannotti

abiti Ettore Lombardi

casting Damien Modolo

direzione tecnica Valeria Foti

light design Antonio Rinaldi

amministrazione, produzione esecutiva Chiara Fava

promozione, consiglio, sviluppo Lisa Gilardino

produzione MARCHE TEATRO Teatro di rilevante interesse culturale , corpoceleste_C.C.00##

coproduzione Fondazione MateraBasilicata 2019 e Basilicata 1799, CENTQUATRE-Paris, Snaporazverein

 

ingresso a contributo libero 

a seguire, incontro con la coreografa a cura di Francesca Giuliani e convivio con il pubblico

 

Partendo dall’osservazione dei fenomeni migratori di alcuni animali che tornano a riprodursi e a morire nel luogo in cui sono nati, Sciarroni da tempo lavora sul concetto di turning, traducendolo in un’azione di rotazione del corpo intorno al proprio asse e sviluppando così un viaggio psicofisico emozionale, una danza di durata (turning significa anche evolvere). Il progetto si articola in diverse “versioni”, in cui sono coinvolti interpreti e artisti differenti; in questa, dedicata alla pratica della danza classica e al lavoro in punta, in scena ci sono 5 ballerini, che ne hanno già attuato una prima edizione site-specific a Matera Capitale Europea della Cultura 2019.

 
 

19 MARZO

21.00

Rimini - Teatro degli Atti 
> teatrogalli.it

EMIO GRECO |

PIETER C. SCHOLTEN

Sweet like

a chocolate

ideazione e coreografia Emio Greco | Pieter C. Scholten

danzatori Maria Ribas, Victor Callens

costumi Clifford Porter

luci Henk Danner

produzione ICK Amsterdam

 

a seguire, incontro con il coreografo a cura di [collettivo] c_a_p

 

Uno spettacolo intimo, con la Quinta Sinfonia di Beethoven come finale aperto. Una donna danza con la propria ombra, il suo alter ego, partner, voyeur. La segue, la guida e lotta con lei. È un doppio, un amante e un avversario, affidabile e pericoloso allo stesso tempo. In scena si sprigiona la tensione tra amore, fiducia, sensualità femminile e violenza. Su invito del Bellevue Lunchtheater, lo spettacolo è stato creato come passo a due rielaborando Double Points: Hell, progetto realizzato su invito del Festival di Avignone e nel 2008 invitato da Pina Bausch all’Internationales Tanzfestival NRW. 

21 MARZO

17.00

Gambettola - Teatro Comunale
> teatrocomunaledigambettola.it

VALENTINA

DAL MAS

Da dove guardi

il mondo?

di e con Valentina Dal Mas

testo originale di Valentina Dal Mas

direzione tecnica Martina Ambrosini

coproduzione Compagnia Abbondanza/Bertoni, La Piccionaia-Centro di Produzione teatrale

 

dai 6 anni

vincitore di Premio Scenario Infanzia 2017

 

Danya ha nove anni e non ha ancora imparato a scrivere. È l’eccezione che non conferma la regola. Lungo il cammino verso la scrittura si ferma, perde dei pezzi; forse le mancano o quelli che ha non sono giusti per lei. Incontra quattro amici, ognuno con caratteristiche fisiche, caratteriali e comportamentali che li rendono unici. Danya impara a conoscerli e prova ad essere come loro. Di ognuno conserva un pezzo, riesce a metterli insieme e a raggiungere il suo “punto di allegria”.

 

24 MARZO

21.15

Cattolica - Salone Snaporaz
> teatrodellaregina.it

MARCO D'AGOSTIN

First Love

un progetto di e con Marco D'Agostin

suono LSKA

consulenza scientifica Stefania Belmondo, Tommaso Custodero

consulenza drammaturgica Chiara Bersani

luci Alessio Guerra

direzione tecnica Paolo Tizianel

produzione VAN 2018

coproduzione Teatro Stabile di Torino - Teatro Nazionale / Torinodanza festival e Espace Malraux – scène nationale de Chambéry et de la Savoie, nell’ambito del progetto “Corpo Links Cluster”, sostenuto dal Programma di Cooperazione PC INTERREG V A - Italia - Francia (ALCOTRA 2014-2020)

in collaborazione con Centro Olimpico del Fondo di Pragelato

progetto realizzato in residenza presso la Lavanderia a Vapore, Centro Regionale per la Danza, inTeatro, Teatro Akropolis

con il supporto di ResiDance XL, inTeatro

foto Alice Brazzit

 

First love è un risarcimento messo in busta e indirizzato al primo amore. È la storia di un ragazzino degli anni ’90 al quale non piaceva il calcio ma lo sci di fondo: il suo mito era l’olimpionica Stefania Belmondo. Divenuto ora adulto, quel ragazzo rilegge la più celebre gara della campionessa piemontese, la 15km a tecnica libera delle Olimpiadi di Salt Lake City 2002, trasformando First love in grido di vendetta, disperata esultanza, smembramento della nostalgia.

 
 

5 APRILE

21.00

Rimini - Teatro degli Atti
> teatrogalli.it

SIMONA BERTOZZI

ILINX - don’t stop the dance 

progetto Simona Bertozzi, Marcello Briguglio

ideazione e danza Simona Bertozzi

musica eseguita dal vivo Egle Sommacal

luci e set spazio Simone Fini

costumi Katia Kuo

organizzazione e promozione Beatrice Capitani

ufficio stampa Michele Pascarella

produzione Nexus 2019 per Biennale Danza Venezia

con il contributo di Mibact e Regione Emilia Romagna

residenze creative H(ABITA)T – Rete di Spazi per la Danza/Mousiké

 

riallestimento di ILINX - playing vertigo

realizzato nel 2008 all'interno del Progetto Internazionale Choreoroam 

con il supporto di British Council/The place, Operaestate Festival/Veneto, Dansateliers/Rotterdam residenza creativa Theaterhaus Gessnerallee-Zurigo e CSC garage Nardini Operaestate Festival

 

a seguire, incontro con la coreografa a cura di [collettivo] c_a_p

 

Ilinx è una creazione del 2008 parte di Homo Ludens,  progetto coreografico dedicato alle categorie ludiche di Roger Caillois. Secondo il sociologo, Ilinx è un gioco individuale, una condizione di singolarità rivolta alla vertigine, “al vuoto di stomaco” e all'ebbrezza. Dopo dieci anni, la coreografa ri-attualizza il lavoro, dispiegando un’inedita riflessione sulla solitudine del performer e del suo universo ludico. In questa “isola precaria” come si agisce per mantenere il brivido costante della simultaneità? Si rischia, precipitando nel movimento. 

 

15-29 MARZO

Longiano - Teatro Petrella
> ilteatropetrella.it

Vorrei fare con te quello che la primavera fa con i ciliegi #1

Luoghi di accoglienza e residenza per creazioni coreografiche - V edizione

OPERA BIANCO

JUMP!

residenza creativa per la ricerca e la composizione del nuovo spettacolo di Vincenzo Schino e Marta Bichisao / Opera Bianco

progetto di residenza condiviso da Teatro La Cartiera/ KOMM TANZ 2019;

L’arboreto - Teatro Dimora | La Corte Ospitale ::: Centro di Residenza Emilia-Romagna, Teatro Petrella di Longiano

28 MARZO

18.00

Longiano - Teatro Petrella
> ilteatropetrella.it

OPERA BIANCO

JUMP!

condivisone dei materiali di creazione

concept, coreografia e regia Marta Bichisao e Vincenzo Schino / Opera Bianco

performer Samuel Nicola Fuscà, C.L. Grugher, Luca Piomponi, Simone Scibilia

light designer Gabriele Termine

sound designer Federico Ortica

organizzazione e cura Vittoria Lombardi

prodotto da Fondazione Royaumont Parigi, Teatro Cantiere Florida (FI), CAOS Terni, CURA Residenze Teatrali Umbre Masque Teatro, Teatro La Cartiera/ KOMM TANZ, L’arboreto - Teatro Dimora | La Corte Ospitale ::: Centro di Residenza Emilia-Romagna, Teatro Petrella di Longiano

prima nazionale 16, 17 aprile 2020 Teatro Bonci Cesena

 

ingresso 3 € 

a seguire, incontro con la coreografa a cura di Francesca Giuliani e convivio con il pubblico

 

Gli artisti condivideranno una parte dei materiali di scena, arricchiti di elementi, intuizioni, immagini, invitando i visitatori ad assistere anche al processo di composizione. Il progetto affronta la questione del ritmo dell’uomo in dialogo con il ritmo del mondo. Come continuare a camminare nonostante tutto stia crollando? Il clown è utilizzato come metafora della condizione umana: Buster Keaton modifica continuamente il suo corpo e le leggi fisiche che lo riguardano, in funzione di una danza ostinata. 

8 APRILE

21.00

Rimini - Teatro degli Atti
> teatrogalli.it

PAOLA BIANCHI

Energheia

coreografia e danza Paola Bianchi

musiche composte ed eseguite dal vivo Fabrizio Modonese Palumbo

disegno luci Paolo Pollo Rodighiero

tutor Roberta Nicolai, Raimondo Guarino

sguardo esterno Ivan Fantini

staff scientifico Laura Gemini, Giovanni Boccia Artieri, Anna Paola Lovisolo, Alessandro Pontremoli

progetto di residenza condiviso da L’arboreto - Teatro Dimora | La Corte Ospitale ::: Centro di Residenza della Regione Emilia-Romagna; Centro di Residenza della Toscana (Armunia Castiglioncello - CapoTrave/Kilowatt Sansepolcro); nell’ambito del progetto residenze coreografiche Lavanderia a Vapore

produzione PinDoc

in coproduzione con Agar, Teatri di Vetro, Teatro Akropolis

con il contributo di Mibac e Regione Sicilia

 

a seguire, incontro con la coreografa a cura di [collettivo] c_a_p

ENERGHEIA nasce da un’immersione emotiva negli archivi retinico-mnemonici di un gruppo di persone che hanno consegnato a Paola Bianchi le immagini pubbliche impresse nella loro retina e ancora vive nella memoria visiva. Quelle immagini incarnate dalla coreografa hanno reso il suo stesso corpo un archivio di posture. Una coreografia di pelle, una poetica del corpo muto. Parola comparsa per la prima volta nelle opere di Aristotele, energheia indica l’atto di trasformazione che, in alcune attività – ad esempio la danza - è il soggetto stesso dell’azione

 

12-26 APRILE

Mondaino
L’arboreto - Teatro Dimora
> arboreto.org

ALESSANDRO CARBONI

Context

residenza creativa per la ricerca e la composizione del nuovo progetto di Alessandro Carboni

progetto di residenza condiviso da Sementerie Artistiche/H(abita)T - Rete di Spazi per la Danza; L’arboreto - Teatro Dimora, Mondaino; Domino, Zagreb; Nitra Festival, Nitra; Bakelit Multi Art Center, Budapest; Teatro della Misericordia, Sansepolcro - Centro di Residenza della Toscana (Armunia - CapoTrave/Kilowatt); New York; Institute, Milieux/Le Parc e Pulse, Montrèal

26 APRILE

18.00

Mondaino
L’arboreto - Teatro Dimora
> arboreto.org

ALESSANDRO CARBONI

Context

prova aperta al termine della residenza

progetto di Alessandro Carboni

Con Gianmaria Borzillo, Lucia Guarino, Ana Luisa Novais Gomes, Masako Matsushita, Francesca Ruggerini, Loredana Tarnovschi

organizzazione, cura e promozione Debora Ercoli

progettazione Alessia Fortunato

costumi DEM

falegnameria Stefano Tirendi

assistenza Chiara Castaldini

produzione Formati Sensibili Ets Aps

realizzato nell'ambito del progetto europeo Be SpectACTive finanziato da Creative Europe, Formati Sensibili - casa di produzione con il sostegno di L'arboreto - Teatro Dimora | La Corte Ospitale ::: Centro di Residenza Emilia-Romagna e 369gradi progetto AMINA>ANIMA (Soul) Regione Autonoma della Sardegna - PO FESR 2014-2020

 

ingresso a contributo libero 

a seguire, incontro con il coreografo a cura di Francesca Giuliani e convivio con il pubblico

 

Context indaga le combinazioni e ricombinazioni della realtà, mantenendo viva l’incertezza. A partire dall’idea di contesto - dal latino con-tèxere, intrecciare, l’insieme di circostanze che definiscono un evento - scandaglia l’azione come negoziato tra immobilità e cambiamento, istante e permanenza. Context è uno spazio di ricerca, un oggetto scenico e concettuale insieme. Un’opera prismatica che abita diversi formati, dal visivo al performativo, dal teorico al sonoro e si adatta a diverse forme, per tradurre le corrispondenze tra lo spazio e suoi elementi. 

 

3-17 MAGGIO

Longiano - Teatro Petrella
> ilteatropetrella.it

Vorrei fare con te quello che la primavera fa con i ciliegi #2

Luoghi di accoglienza e residenza per creazioni coreografiche - V edizione

STEFANIA TANSINI

Punti di ristoro

residenza creativa per la ricerca e la produzione del nuovo spettacolo di Stefania Tansini 

progetto di residenza condiviso da L’arboreto - Teatro Dimora di Mondaino e Teatro Petrella di Longiano

16 MAGGIO

18.00

Longiano - Teatro Petrella
> ilteatropetrella.it

STEFANIA TANSINI

Punti di ristoro 

prova aperta al termine della residenza creativa

progetto e coreografia Stefania Tansini

cast e collaboratori artistici in via di definizione

organizzazione Nexus

prodotto da Nexus

con il sostegno di PimOff Milano, L’arboreto - Teatro Dimora | La Corte Ospitale ::: Centro di Residenza Emilia-Romagna, Teatro Petrella di Longiano

 

ingresso 3 € 

a seguire, incontro con la coreografa a cura di Francesca Giuliani e convivio con il pubblico

 

Punti di ristoro è un’immersione in uno stato percettivo profondo in cui il corpo possa essere lasciato libero di vivere nell'istante. Un corpo che si lascia toccare, che si pone in una condizione di fragilità e apertura. Vibrante, sensibile, materiale, che rigenera e dilata le distanze e ne custodisce gli intervalli vuoti. Che crea la distanza per far accadere il contatto. Diplomata presso la Paolo Grassi, Stefania Tansini dal 2019 è coreografa associata a Nexus. Ha collaborato, fra gli altri, con Simona Bertozzi, Luca Veggetti, Ariella Vidach, Romeo Castellucci, Cindy Van Acker, Enzo Cosimi.

 

22 MAGGIO

21.00

Santarcangelo di Romagna
Teatro Lavatoio
> santarcangelofestival.com

FRANCESCA FOSCARINI

PUNK 

kill me please 

coreografia Francesca Foscarini e Cosimo Lopalco
interpretazione Melina Sofocleous e Francesca Foscarini
produzione Van
con il sostegno di Centrale Fies_art work space, *Tanzhaus di Zurigo (*in dialogo)
con il contributo di ResiDance XL | luoghi e progetti di residenza per creazioni coreografiche, azione della Rete Anticorpi XL | Network Giovane Danza D’autore, coordinata da L’arboreto | Teatro Dimora di Mondaino, Arteven/Festival Prospettiva Danza e Teatro, Capotrave/Kilowatt, CSC Centro per la Scena Contemporanea Bassano del Grappa, Santarcangelo dei Teatri

La creazione nasce dalla fascinazione per il fenomeno del punk-rock, per gli elementi rivoluzionari della sua estetica, e per la leggendaria e tragica relazione tra Sid Vicious e Nancy Spungen, coppia iconica della corrente britannica. Il lavoro dà vita a due corpi femminili, soggetti a trasformazioni continue; due corpi autogeneranti e onnipotenti, sensuali e appassionati, buffi e mostruosi che, condividendo la stessa rabbia e passione per la vita, si ergono a paladini di ribellione e follia, amore e uguaglianza. Un manifesto vivente di femminismo, coraggio, forza, ironia e libertà.

 

1-15 GIUGNO

Mondaino
L’arboreto - Teatro Dimora
> arboreto.org

PAOLA BIANCHI

EKPHRASIS

residenza creativa per la ricerca e composizione del nuovo spettacolo di Paola Bianchi

progetto di residenza condiviso da L’arboreto - Teatro Dimora | La Corte Ospitale ::: Centro di Residenza Regione Emilia-Romagna; Lavanderia a Vapore, Centro di Residenza per la danza Piemonte, nell’ambito del progetto residenze coreografiche
realizzato con il contributo di ResiDance XL – luoghi e progetti di residenza per creazioni coreografiche, azione della Rete Anticorpi XL - Network Giovane Danza D’autore, coordinata da L’arboreto - Teatro Dimora di Mondaino

14 GIUGNO

19.00

Mondaino
L’arboreto - Teatro Dimora
> arboreto.org

PAOLA BIANCHI

EKPHRASIS

di Paola Bianchi
prova aperta al termine della residenza
concept e coreografia Paola Bianchi
creato e danzato da Barbara Carulli, Chiara Andreoni, Elena Salierno, Elisa Quadrana, Francesca Bertolini, Jessica Demasi, Lorenzo De Simone, Martina Del Prete, Paola Fontana, Sara Capanna
musiche composte ed eseguite dal vivo Fabrizio Modonese Palumbo
disegno luci Paolo Pollo Rodighiero
tutor Roberta Nicolai, Raimondo Guarino
sguardo esterno Ivan Fantini
staff scientifico Laura Gemini, Giovanni Boccia Artieri, Anna Paola Lovisolo, Alessandro Pontremoli
produzione PinDoc
in coproduzione con Agar, Teatri di Vetro, Teatro Akropolis, Armunia / Festival Inequilibrio, Rosa Shocking / TenDance Festival
con il contributo di Mibac e Regione Sicilia

ingresso a contributo libero
a seguire incontro con la coreografa a cura di Francesca Giuliani e convivio con il pubblico

 

EKPHRASIS nasce dal confronto con dieci giovani performer ai quali Paola Bianchi ha “consegnato” le descrizioni di alcune posture: un archivio di forme presenti nel solo ENERGHEIA, fulcro del progetto ELP. Dall’incarnazione delle posture attraverso l’ascolto delle descrizioni, è nata una nuova struttura coreografica che si sviluppa tra consonanze e dissonanze, concentrandosi sul senso del movimento. EKPHRASIS è parte di ELP che indaga la relazione tra parola e movimento attraverso la “trasmissione” di archivi di posture. 

 

Biglietti: 10€

Ridotto under 30, convenzioni dei singoli enti, o presentando un biglietto di qualsiasi spettacolo in cartellone: 5€

Biglietto unico per le prove aperte al Teatro Petrella di Longiano: 3 €

Ingresso a contributo libero per gli esiti delle residenze a L’arboreo - Teatro Dimora di Mondaino

Incontri: ingresso gratuito